This site uses cookies to provide a better experience. Continuing navigation accept the use of cookies by us OK
ambasciata_jakarta

31/12/2013 TURISMO DI QUALITÀ IN ITALIA CON IL TOURING CLUB ITALIANO

Date:

01/30/2014


31/12/2013 TURISMO DI QUALITÀ IN ITALIA CON IL TOURING CLUB ITALIANO

Promuovere il turismo di qualità in Italia: è l’obiettivo di un’iniziativa Ministero degli Esteri-Touring Club, con una carta destinata agli italiani residenti all'estero e agli stranieri per i loro viaggi in Italia.

Touring 4                                                                                                                                                                                  VIDEO - MAE-TOURING CLUB

Il sito Touring Card con tutte le informazioni

 

Una rete di convenzioni, sconti e iniziative

Il segretario generale della Farnesina Michele Valensise e il presidente del Touring Club Italiano Franco Iseppi hanno sottoscritto un protocollo d’intesa che prevede l'offerta, da parte del Touring Club, di una tessera associativa denominata "Carta Turistica Socio Estero" con cui accedere ad una molteplicità di informazioni sul Bel Paese e beneficiare della rete di convenzioni, sconti e iniziative promosse dal Touring Club, pagando 25 euro l’anno. I servizi sono consultabili su www.touringcard.it.

Turismo ampio e di qualità che dia una mano all’economia italiana.

“Puntiamo ad un turismo ampio e di qualità che dia una mano all’economia italiana”, ha spiegato Valensise, ricordando che la carta può essere un incentivo per “l’importante comunità italiana all’estero di scoprire le proprie radici”.

Touring 2

46 milioni gli stranieri che visitano l’Italia ogni anno

Sono 46 milioni gli stranieri che visitano l’Italia ogni anno, con tassi di crescita del 10% negli ultimi 30 anni, ha ricordato Iseppi, aggiungendo che si può ancora attingere ad un bacino di 400 milioni di turisti che hanno scelto l’Europa e il Mediterraneo. Per farlo al meglio, ha sottolineato, bisogna puntare sulla nostra “distintività”, ossia la diversità territoriale, la ricchezza dei beni culturali e l’offerta agroalimentare, promuovendo il “brand Italia” nel suo complesso con un’azione coordinata pubblico-privato. In questo senso, Valensise ha auspicato di intraprendere nuove iniziative del genere sfruttando la rete degli istituti italiani di cultura nel mondo.”


191