This site uses cookies to provide a better experience. Continuing navigation accept the use of cookies by us OK
ambasciata_jakarta

Importazione di bevande alcoliche in Indonesia

Date:

07/22/2011


Importazione di bevande alcoliche in Indonesia

L’importazione di bevande alcooliche in Indonesia e` regolamentata in maniera molto restrittiva, essendo soggetta a pratica monopolistica. Infatti, l’importazione e` consentita solamente ad una azienda pubblica, PT Sarinah. Inoltre gli alcoolici sono sottoposti a una pesante tassazione: tassa di lusso del 40%, IVA del 10% e tasse doganali progressive, determinate sulla base del contenuto alcoolico (da un minimo di 2.500 rupie per litro fino a un massimo di 50.000 per litro). Recentemente il Direttore Generale dell’Ufficio Dogane ha proposto l’eliminazione di tale monopolio, poiche` esso favorisce il fenomeno del contrabbando, unitamente al mancato introito per l’Erario. Al contrario, il Ministero delle Imprese Pubbliche – azionista di PT Sarinah – ritiene utile mantenere questo assoluto controllo sull’entrata in Indonesia di alcoolici, in quanto la presenza di piu` importatori renderebbe ancor piu` difficile contrastare il contrabbando. Infine, la diffusione al pubblico di alcoolici e` un questione anche politica in Indonesia, come noto il Paese con il piu` grande numero di musulmani al mondo. Si stima che almeno il 60% degli alcoolici consumati in Indonesia provenga attualmente dal mercato nero. La decisione di modificare o meno l’attuale sistema d’importazione sta in capo al Ministero del Commercio indonesiano.  

Fonte: articolo del Jakarta Post, 18 luglio 2009


143